RIS 2006 - Foto Massimo Bettiol

 

comunicato n.18 del 19.05.2007

 

SEBASTIEN LOEB E DANIEL ELENA, CITROEN C4 WRC, ALLUNGANO SU TUTTI GLI ALTRI
Con la Citroen C4 Wrc ufficiale, cercando di difendersi dagli attacchi di Gronholm,
ha pure attaccato con decisione, andando incontro alla vittoria.

Olbia, 19 maggio 2007 - E’ decisamente in corsa verso la vittoria, il francese Sebastien Loeb, che anche nella seconda tappa del Rally d’Italia Sardegna ha ribadito la sua forza concludendo nuovamente al comando. In coppia con il monegasco Daniel Elena, l’alsaziano tre volte Campione del Mondo e la sua Citroen C4 ufficiale, con le sei prove speciali disputate oggi ha saputo rintuzzare i ripetuti tentativi di metterlo in crisi da parte di Marcus Gronholm (Ford Focus WRC) e nel contempo ha attaccato con decisione tentando l’allungo. “Dovrò attaccare a fondo anche domani – a detto Loeb a fine giornata – Gronholm è ancora troppo vicino ed è pericoloso”.
La giornata odierna, caratterizzata da un sole deciso e da una temperatura decisamente estiva, ha vissuto sul duello alla distanza tra Loeb e Gronholm, divisi a fine tappa da 36” e mezzo, ma ha offerto anche notevoli spunti da parte del finlandese Mikko Hirvonen (Ford Focus WRC), terzo nella generale, il quale non ha mai perso la speranza di agguantare Gronholm, proprio compagno di squadra. E’ stato un tentativo vano, in quanto l’altro ha saputo tenerlo lontano, lo conferma il passivo che ha da quest’ultimo, che sfiora il minuto. Fuori dal podio, in quarta posizione, ha saputo risalire lo spagnolo Dani Sordo (ieri terminato quinto), con la seconda Citroen C4 ufficiale, al termine di una giornata più aggressiva della precedente, con la quale ha saputo ben interpretare le insidie del percorso oltre che aver ragione del brillante Henning Solberg. Il norvegese, che ieri si era distinto per la sua aggressività, ha corso una seconda tappa punteggiata da alcuni errori che lo hanno fatto riprendere dallo spagnolo, che invece è apparso molto più convinto che non la prima tappa, avendo migliorato il feeling con la vettura. In sesta posizione, la stessa di ieri, ha finito la tappa Petter Solberg (Subaru Impreza Wrc), il quale pur dichiarandosi soddisfatto delle sensazioni trasmessegli dalla vettura, non è riuscito a progredire in classifica come avrebbe voluto, mentre più staccato ha concluso la fatica l’altro finlandese Toni Gardemeister (Mitsubishi Lancer Wrc), che ha lamentato problemi di assetto per tutta la tappa. Chiudono la top ten l’austriaco Manfred Stohl, ottavo con la Citroen Xsara Wrc, che ha migliorato le prestazioni della prima giornata, poi gli ennesimi finlandesi Juho Hanninen (Mitsubishi Lancer WRC) e Jari Matti Latvala (Ford Focus Rs Wrc), il grande protagonista della prima tappa. Fuori dai dieci dell’assoluta l’australiano Chris Atkinson (Subaru Impreza Wrc) e la new entry del mondiale, l’argentino Federico Villagra, impegnato soprattutto a proseguire il proprio apprendistato con la Ford Focus Rs Wrc, con cui è al debutto.
Grande ritmo e prestazioni di grande effetto anche per i protagonisti del Junior Rally Championship, la cui classifica vede ancora al comando l’estone Urmo Aava (Suzuki Swift) davanti al compagno di squadra Per-Gunnar Andersson, pesantemente rallentato da una foratura durante la decima prova speciale oltre che da una crisi di freni finale, che non gli hanno comunque impedito di tenere alla frusta il ceko Martin Prokop e la sua Citroen C2, anche lui messo in difficoltà da freni e forature.
Il migliore dei piloti italiani è l’esperto veneto Giovanni Manfrinato (Subaru Impreza STi), in coppia con il sardo Carlo Pisano, passato a condurre dalla penultima prova speciale, quando ha rilevato la leadership dal giovane romagnolo Simone Campedelli (Mitsubishi Lancer EVO IX) dalla penultima chrono, per via di una foratura di quest’ultimo, costata oltre due minuti.

Nella vera e propria gara nella gara dei piloti locali, la classifica sorride ancora a Giuseppe Dettori e Marco Corda (Mitsubishi Lancer EVO IX), anche 30° assoluto, nonostante problemi al cambio lamentati nel finale.
Domani la giornata conclusiva, con altre sei prove speciali, per 54,740 chilometri da trascorrere con il cronometro. L’uscita dal riordinamento notturno presso il Porto Industriale di Olbia, sarà alle ore 07,00 e l’arrivo finale, nell’esclusivo scenario del molo vecchio di Porto Cervo, alle ore 14,30.

Classifica generale dopo la seconda tappa: 1. Loeb – Elena (Citroen C4 Wrc) in 3h12’46”5; 2. Gronholm – Rautiainen (Ford Focus Rs Wrc) a 36”5; 3. Hirvonen – Lehtinen (Ford Focus Rs Wrc) a 1’ 30”2; 4. Sordo – Marti (Citroen C4 Wrc) a 2’22”4; 5. H. Solberg – Menkerud (Ford Focus Rs Wrc) a 2’32”7; 6 . Solberg - Mills (Subaru Impreza Wrc ) a 3’02”6; 7. Gardemeister – Honkanen (Mitsubishi Lancer Wrc) a 5’21”5; 8. Stohl - Minor ( Citroen Xsara Wrc) a 5’44”8; 9. Hanninen - Markula (Mitsubishi Lancer Wrc) a 9’43”3; 10. Latvala-Anttila (Ford Focus Rs Wrc) a 12’15”8.
Classifica concorrenti Junior Rally Championship dopo la seconda tappa: 1. Aava – Sikk (Suzuki Swift) in 3h35’51”7; 2. Andersson – Andersson (Suzuki Swift) a 1’28”5; 3. Prokop –Tomanek (Citroen C2) a 3’13”4.

<-- indietro

Tutti i diritti riservati ACI - ACISPORT

Legal Disclaimer / Credits